Log inUsernamePassword
Connessione automatica ad ogni visita    
Registrati
Registrati
Messaggi privati
Messaggi privati

Indice del forum » Consulenza Immobiliare


Nuovo argomento   Rispondi
Costi da sostenere per donazione appartamento al figlio
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
legaltips



Registrato: 18/07/07 16:51
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Mer Lug 18, 2007 4:55 pm    Oggetto: Costi da sostenere per donazione appartamento al figlio Rispondi citando

Buongiorno,
vi chiedo il vostro parere per sapere se vi è un costo per effettuare la donazione di un appartamento a mio figlio.
Se sì, sapreste dirmi quanto?

Grazie mille
luca
Top
Profilo Invia messaggio privato
geomterracciano



Registrato: 21/05/07 15:27
Messaggi: 1637
Residenza: TARANTO

MessaggioInviato: Mer Lug 18, 2007 8:39 pm    Oggetto: Rispondi citando

Spesso i genitori che intendono donare un immobile ad un figlio, ma la casistica comporta casi diversi anche di parentela non stretta, si chiedono quali siano i costi, i vantaggi e svantaggi dell’operazione.
Dal 25 ottobre 1991 è stata abolita l’imposta su donazioni e successioni. Il provvedimento era stato molto criticato in quanto, secondo le opposizioni governative, favoriva gli interessi personali del premier Silvio Berlusconi e di coloro che dispongono di sostanziose ricchezze. La critica abbastanza ingenerosa è smentita dai contenuti del provvedimento teso a premiare i beneficiari di patrimoni contenuti, inferiori a 350 milioni di lire. Regali e imposte ipotecarie restano sempre sottoposti alle imposte ipotecarie e catastali, il 3% del valore dichiarato del patrimonio immobiliare ceduto. Il valore della donazione, per evitare accertamenti da parte dell’Erario, deve essere per le abitazioni almeno pari alla rendita catastale moltiplicata per 100. Qualora chi riceva il bene lo destini a prima casa, l’imposta scende ed è quantificata in € 258,23.
In quali situazioni si dovrà versare l’imposta di registro? Per far scattare la tassazione devono verificarsi due condizioni: la prima che il ricevente non sia un parente stretto, un estraneo o un cugino oltre il primo grado (il suocero, i figli di primo letto del coniuge, se non sono stati adottati, il genero, la nuora o il cognato). La seconda condizione è che il valore dell’immobile donato, sommato ad eventuali altri regalati, superi 180.759,91 euro (350 milioni di vecchie lire). L’imposta di registro è pari al 7% del valore, ma tale percentuale si paga solo sulla parte di valore eccedente a quella stabilita. Il resto è esente. I costi burocratici della donazione superano spesso quelli fiscali.L’art. 782 del C.C. impone, infatti, che la donazione avvenga per atto pubblico, con l’intervento di due testimoni e di un notaio. Altrimenti è considerata nulla. Le spese da affrontare per quest’operazione sono rappresentate dai bolli, dalla trascrizione nei registri immobiliari, dalla voltura catastale, ovvero il cambio del nome, oltre alla parcella del notaio, che varia in rapporto al valore dichiarato e alle complessità della singola pratica. L’imposta autoliquidata va prontamente versata. Un’ulteriore adempimento è quello di presentare denuncia di pubblica sicurezza alla Questura, qualora cambi la persona occupante il bene, compilando un semplice e facile modello prestampato. La donazione è considerata dalla legge un anticipo sull’eredità futura. Perciò il valore delle donazioni fatte in vita da una persona si assommerà, dopo la sua morte, insieme ai valori che lascia in eredità, per controllare che non sia stata lesa la quota legittima stabilita dalla legge a favore del coniuge, dei figli, e degli altri parenti stretti del defunto.
La quota legittima è pari al 50% a favore del solo figlio o del solo coniuge, a due terzi se esiste più di in figlio, oppure il coniuge e un figlio, a tre quarti se esiste sia il coniuge che i figli. Esistono pertanto meccanismi legislativi che dopo la morte di una persona ne limitano la volontà, lasciando una quota disponibile contenuta a tutela dei legittimi eredi.
Un genitore che paghi tutto o in parte la casa del figlio con un semplice assegno commette un atto formalmente nullo, che può essere impugnato fa chi ne ha diritto. Un figlio o un altro avente diritto potrebbe chiedere la restituzione dei soldi spesi, verificando i rendiconti bancari di anni prima.
Top
Profilo Invia messaggio privato
legaltips



Registrato: 18/07/07 16:51
Messaggi: 2

MessaggioInviato: Mer Lug 18, 2007 8:57 pm    Oggetto: grazie Rispondi citando

Gent. mo Geometra
la ringrazio infinitamente per la sua completa e preziosa risposta

le auguro una buona continuazione di serata

cordialmente
luca
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Consulenza Immobiliare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
iCGstation v1.0 Template By Ray © 2003, 2004 iOptional






Annunci Gratuiti | Case e Appartamenti | Annunci case | Case e Appartamenti a Milano | Case Roma Privati | Ricerca Appartamenti in Affitto | Annunci immobiliari | Agenzia immobiliare Monza