Log inUsernamePassword
Connessione automatica ad ogni visita    
Registrati
Registrati
Messaggi privati
Messaggi privati

Indice del forum » Consulenza Immobiliare


Nuovo argomento   Rispondi
Agevolazioni prima casa con impossibilità di residenza
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
alessandromagno



Registrato: 04/10/07 18:25
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Gio Ott 04, 2007 6:46 pm    Oggetto: Agevolazioni prima casa con impossibilità di residenza Rispondi citando

Salve a tutti. Mi chiamo Stefano e sono uno studente di Economia. Arrivo subito al dunque: nell'Aprile 2006 ho acquistato con mutuo un appartamento per un valore di 250.000 euro in un comune di residenza diverso dal mio e ho fruito delle agevolazioni prima casa, specie dell'iva 4%. Sono a conoscenza che è necessario prendere residenza nell'immobile entro 18 mesi ma ad oggi, mese in cui scadrà il termine, ancora non mi è stato possibile in quanto ho dovuto affittarlo ad altri studenti. Già nel 2006 avevo fatto richiesta ma il vigile incaricato (fiscalissimo) voleva accertare con ogni mezzo che realmente abitassi li, che ci dormissi: non gli bastava nemmeno la testimonianza dei miei inquilini, naturalmente d'accordo con me. In realtà comunque io lì non ho mai abitato... Il problema è che non ho un reddito, in quanto studente, e per poter pagarmi il mutuo sono costretto a locarlo e perciò non posso viverci! Non posso permettermi di non affittarlo altrimenti la banca farebbe valere la sua bella ipoteca...!!! Come posso fare ancora???
VI PREGO DATEMI CONSIGLI E SPERIAMO ANCHE SOLUZIONI!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
geomterracciano



Registrato: 21/05/07 15:27
Messaggi: 1635
Residenza: TARANTO

MessaggioInviato: Gio Ott 04, 2007 8:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

L'immobile da acquistare dev'essere una casa di abitazione -catastalmente rientrante tra le categorie A/1 e A/11- non definibile "di lusso" (si veda il Decreto Ministeriale 2/8/69);
- l'immobile da acquistare deve trovarsi nel Comune ove l'acquirente ha la residenza (o si impegni a stabilirla entro 18 mesi dall'acquisto) oppure, in alternativa, nel Comune ove l'acquirente svolge la propria attivita' lavorativa;
per usufruire dei benefici riguardo l'acquisto di prima casa non e' determinante che essa sia adibita ad abitazione principale. La legge, infatti, non obbliga il proprietario di un immobile acquistato con i benefici ad abitarlo personalmente: lo stesso potra' essere dato in uso a familiari od a terzi, poiche' l'unico obbligo sussistente e' quello di risiedere nel territorio del Comune (o di prendervi residenza entro 18 mesi dall'acquisto).
qual'è il problema Alessandromagno?
Top
Profilo Invia messaggio privato
alessandromagno



Registrato: 04/10/07 18:25
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 10:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie per la risposta davvero dettagliata innanzitutto. Il vero problema è che come dicevo non riesco a prendere la residenza perchè il vigile incaricato è davvero fiscalissimo e vuole verificare che davvero abiti in casa per darmela (ad es. venendo la mattina presto sotto il portone per verificare che li abbia dormito, controlli a sorpresa durante il giorno, ecc.). Non potendo farlo perchè, per poter pagare il mutuo è stata locata a terzi essendo io uno studente, mi trovo impossibilitato a dimostrare l'effettiva residenza a questo soggetto. A questo punto dovrò pagare l'iva non agevolata del 10% e sanzione del 30% che per me sono davvero tanti soldi. Volevo quindi chiedere se fosse possibile una soluzione.
Grazie
Top
Profilo Invia messaggio privato
geomterracciano



Registrato: 21/05/07 15:27
Messaggi: 1635
Residenza: TARANTO

MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 10:23 am    Oggetto: Rispondi citando

Carissimo Alessandromagno, personalmente non conosco escamotage che potrebbero favorirti in qualche maniera, se altri ne conoscono, sicuramente interverranno su questo forum e te li comunicheranno.
Personalmente mi dispiace di non poter essere utile fino in fondo, ti auguro felice giornata.
Top
Profilo Invia messaggio privato
CasaDaPrivato



Registrato: 31/01/07 18:00
Messaggi: 1794
Residenza: milano

MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 12:37 pm    Oggetto: Rispondi citando

ciao alessandromagno,

a meno che tu non faccia parte delle forze armate o della polizia, devi per forza di cose portarci la residenza.
in caso contrario è meglio che inizi a mettere da parte i soldi per pagare le imposte dovute quando ti scopriranno.

ma non capisco.... controlli a sorpresa da parte del vigile??? ma che è ?l'F.B.I.?
fai presente che lavori o studi fuori città tutto il giorno e non puoi permetterti di assentarti.
ma non puoi dire al vigile di venire un determinato giorno a verificare la residenza ? e ti fai trovare li, nel letto a dormire se necessario.
guarda che ci sono migliaia di persone che fanno così per avere la residenza.
ai tuoi inquilini gli chiedi un piacere, gli chiedi di ospitarti per un giorno . ecchessaramai!
oppure paga agli inquilini un weekend da qualche parte così ti liberano la casa un paio di giorni e tu fai venire il vigile a guardare quello che deve guardare.

guarda che l'ufficio delle entrate ti fa barba e capelli quando ti pesca. è meglio che ti fai venire in mente qualcosa .

qui in provincia di Milano quando c'è il vigile che verifica e non ti trova in casa, ti lascia una lettera nella buca della posta con l'invito di recarti in comune a dichiarare che hai la residenza nella casa.... ed è finita li.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
alessandromagno



Registrato: 04/10/07 18:25
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 2:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

ciao
sembra impossibile ma hai elencato esattamente tutto ciò che ho già fatto: ho chiesto agli inquilini di ospitarmi un giorno, ho portato vestiti e spazzolino da denti, ho preso un appuntamento quel determinato giorno e......niente!!!non si è presentato. si presentava quando voleva e mi lasciava la lettirina con scritto di telefonare. L'ho fatto e mi ha risposto che secondo lui li non ci abitavo veramente e nonostante la testimonianza dei miei inquilini mi voleva vedere a "sorpresa". Gli ho anche detto che lavoravo fuori Bologna e studiavo e mi ha risposto che allora era un problema mio, a lui non interessava: voleva vedermi dormire dentro!!!!!
P.S. ho letto che la residenza si ha anche quando si ha attività principale nel comune e per attività principale vale anche lo studio: poichè universitario dite che con i bollettini pagati posso dimostrare che abbia l'attività nel Comune???
Grazie davvero a tutti!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
CasaDaPrivato



Registrato: 31/01/07 18:00
Messaggi: 1794
Residenza: milano

MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 3:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

non ho idea se i bollettini pagati possano essere utili, mi dispiace.

al posto di parlare col vigile, non puoi parlare con il suo superiore e spiegargli bene la tua impossibilità di stare in casa tutto il giorno, tutti i giorni, ad aspettare il suo collega?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Consulenza Immobiliare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

Powered by phpBB © 2001, 2002 phpBB Group
iCGstation v1.0 Template By Ray © 2003, 2004 iOptional